acqua rubinetto - Cilento: si alzano i fiumi e manca l'acqua

Cilento: si alzano i fiumi e manca l’acqua

In Campania, mentre sopravviene una perturbazione importante, si registrano – rispetto a due settimane fa – nuove contenute diminuzioni dei livelli idrometrici in 18 delle 29 stazioni di riferimento poste su tutti i fiumi della regione.

Il fiume Sele, nel dettaglio, si presenta in uniforme e contenuto calo rispetto a due settimane fa, con in evidenza la diminuzione di 27 centimetri a Serre Persano. Tuttavia presenta 2 delle 3 le principali stazioni idrometriche con valori superiori alla media del quadriennio precedente, con Albanella che ha toccato i 40 centimetri sopra la media del periodo.

Sale il livello dell’Alento sia ad Omignano che a Casal Velino, così come il fiume Tanagro che fa registrare addirittura +100 centimetri a Sala Consilina e +87 a Sicignano degli Alburni.

In controtendenza il Calore che fa segnalare un calo sia rispetto al periodo precedente che al quadriennio precedente.

Per quanto riguarda gli invasi, la diga di Piano della Rocca su fiume Alento scende a 21,3 milioni di metri cubi e contiene l’86% della sua capacità, in diminuzione su due settimane fa di 975.379 metri cubi, ma con un volume superiore del 56,27% rispetto ad un anno fa.

MA SPESSO MANCA L’ACQUA POTABILE

A dispetto di quanto sopra elencato si continuano a registrare carenze di acqua potabile per uso domestico per continui lavori di manutenzione. In particolare ad Albanella, il “ponte-tubo” n. 4 sulla quale poggia la condotta adduttrice del “Basso Sele”, in gestione alla società Asis, che alimenta i serbatoi idrici cittadini dei comuni di Agropoli, Albanella, Battipaglia, Bellizzi, Campagna, Capaccio (Paestum), Castellabate, Cicerale (Z.I.), Contursi Terme (Z.I.), Eboli, Montecorvino Pugliano, Ogliastro Cilento (Z.I.), Pontecagnano Faiano, Serre, Salerno, e degli enti gestori Ausino e Consac ed altre zone del Cilento continua a cedere (n.d.r.).

Condividi
error: cilentano.it